La danza delle silfidi – Giuseppe Sermonti (2004). Trento: Finestra, 116 p. : ill. ; 22 cm.

C’era una volta un Re matematico, che tutto misurava pesava e contava. Sapeva l’età, il peso e l’altezza di tutti i suoi soldati e il numero dei gradini delle centotrentacinque scale del suo castello. Adesso nelle sue terre è una repubblica, perché un giorno gli venne la cattiva idea di contare quanti sudditi volevano il Re e quanti non lo volevano e gli risultò che la maggioranza preferiva farne a meno.
E poiché rispettava i numeri, si dimise. Ma non fu quello il suo più grande dolore.
Fu una volta, quand’era ancora re e giovane e si era innamorato delle silfidi del bosco.
Le silfidi sono figurine evanescenti, minuscole fanciulle con piccole ali di farfalla che nelle notti d’estate danzano nelle radure dei boschi al suono di una musica soavissima intonata dai mandolini dei grilli e dalle chitarre delle cicale. Sono così leggere, le silfidi, che i fili d’erba non si flettono sotto i loro piedini, ed esse sfiorano il suolo senza toccarlo.
Il Re le guardava incantato, ma non gli riusciva di contarle, e non gli riusciva a stabilire quale fra tutte fosse la più lieve e la più fresca. Le avrebbe aperto le porte del suo castello come a una regina e sarebbe stato anche pronto a incoronarla, se la corona regale non l’avesse schiacciata.
Una notte, all’ora della danza delle silfidi mandò nel bosco tre paggi, che portavano nascoste sotto i mantelli tre preziosissime bilance di precisione. E mentre grilli e cicale accordavano i loro strumenti, i paggi taravano le loro bilance. Il Re aveva ordinato loro di portargli al palazzo la più leggiadra e soave di tutte le silfidi.

Giuseppe Sermonti (Roma, 1925 – Roma, 2018) è stato un biologo e saggista italiano. Dal 1950 ha compiuto ricerche di Genetica microbiologica. Ha tenuto la cattedra di Genetica a Palermo e a Perugia e ha presieduto l’Associazione Genetica Italiana. Dal 1980 ha diretto la Rivista di Biologia. Ha pubblicato oltre cento lavori scientifici e prodotto alcuni libri sulla ricerca dei princìpi della scienza nelle fiabe del focolare. Nel 2005 gli è stato assegnato il Premio Speciale della Vice-Presidenza del Consiglio per la Cultura nel Settore della Ricerca Scientifica.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.