La nascita del cristianesimo – Enrico Norelli (2014). Bologna: Il Mulino, 279 p. ; 22 cm.

Gesù di Nazaret suscitò, nella Galilea e Giudea del tempo dell’imperatore Tiberio, un movimento di “risveglio” rivolto a Israele e fondato sull’annuncio dell’apertura del regno di Dio. Perché la morte infamante di Gesù non mise fine al suo movimento, che anzi ne trasse spunto per un rilancio del suo messaggio anche oltre le frontiere d’Israele? In che modo si costituì, nel secondo secolo, un sistema di poteri e dottrine che sarebbe stato capace d’imporsi all’impero romano? Il libro ripercorre i modelli di fede in Gesù adottati dai vari gruppi di credenti, illustra la concezione del mondo e la pratica di vita che postulavano, e le ragioni per le quali alcuni di tali modelli risultarono vincenti.

Enrico Norelli (Grosseto, 21 giugno 1952) è professore di Storia del cristianesimo delle origini presso la Facoltà di teologia dell’Università di Ginevra. Si occupa della storia e della letteratura dei primi tre secoli cristiani. Tra i suoi centri d’interesse: letteratura apocrifa cristiana; giudaismo e cristianesimo; storia dell’esegesi cristiana antica; Marcione e l’eresia nel II secolo; formazione del canone biblico cristiano. Tra le sue numerose pubblicazioni la traduzione e il commento dell’A Diogneto (Cinisello Balsamo, 1991) e dell’Ascensione d’Isaia (Brepols, 1995).

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.

error0
Tweet 20
fb-share-icon20