Testi gnostici – Luigi Moraldi (2008). Torino: UTET, 760 p. ; 19 cm.

“L’albero della vita degli immortali, manifestato dal volere di Dio, è sito nella parte settentrionale del paradiso, per rendere immortali le anime dei santi, quelle che provengono dalle opere della povertà, allorché avverrà il termine dell’eòne. Il colore dell’albero della vita è come il sole; i suoi rami sono belli; le sue foglie sono come quelle del cipresso; il suo frutto è splendente come grappoli d’uva; la sua altezza raggiunge il ciclo. Vicino a esso si trova l’albero della gnosi, il quale ha la forza di Dio; il suo splendore è come la luna, quando è molto splendente; i suoi rami sono belli; le sue foglie sono come le foglie di fico; il suo frutto è come i buoni e magnifici datteri. Esso è sito nella parte settentrionale del paradiso per scuotere le anime dal sonno dei demoni, affinchè vengano dall’albero della vita, mangino del suo frutto, e condannino le potenze e i loro angeli.”

Luigi Moraldi (Carpasio, 11 settembre 1915 – Milano, 11 novembre 2001) è stato un filologo, biblista e accademico italiano, tra i più significativi esegeti dei Rotoli del Mar Morto (noti anche come Manoscritti di Qumran, dal luogo dei ritrovamenti) e di Nag Hammadi (noti anche come Testi Gnostici, comprendono tra l’altro versioni apocrife dei Vangeli), lavorando direttamente sulle fonti al tempo del loro ritrovamento archeologico.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro, scrivici direttamente tramite Whatsapp qui o via email a questo link.