Esoterismo e magia nel Medioevo: stregoneria, esorcismi, sortilegi e incantesimi: il lato più oscuro dell’età di mezzo – Christa Tuczay (2010). Milano: Mondolibri, 310 p. : ill ; 21 cm.

Pozioni magiche, scienze occulte, incantesimi oscuri: la magia è uno degli aspetti più affascinanti del Medioevo, ma anche un fenomeno complesso e articolato. Nella teoria e nelle pratiche magiche medievali sono infatti confluiti non solo elementi ereditati dalla tradizione antica e dalle culture germanica e celtica, ma anche influenze ebraiche e arabe. Determinante è stata poi la relazione tra magia e religione. Se da un lato la Chiesa cristiana medievale, imperante in Occidente, cominciò molto presto a perseguitare maghi, streghe, veggenti, eretici o presunti tali, dall’altro ereditò da loro idee e pratiche che, debitamente modificate,entrarono a far parte dei riti religiosi. Si sviluppò persino un approccio istituzionalizzato al soprannaturale, la magia cristiana, che si manifestò soprattutto in miracoli ed esorcismi e che è sopravvissuto fino all’epoca moderna.

Christa Tuczay (7 febbraio 1952, Eisenstadt) è professore universitario austriaca di lingua e letteratura tedesca medievale presso l’Istituto di studi tedeschi dell’Università di Vienna. La sua tesi di dottorato fu incentrata sulle rappresentazioni sciamaniche nei racconti popolari medievali. Tuczay è famosa per le sue ricerche su narrazioni e fiabe nel Medioevo.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.

error0
Tweet 20
fb-share-icon20