La sapienza nascosta. Linguaggio e simbolismo in Dante – Nuccio D’Anna (2001). Spoleto: I libri del Graal, 115 p.

Nell’ambito della sterminata letteratura su Dante e la sua opera gli studi sul De Vulgari Eloquentia sono enigmaticamente limitati. Pochi hanno tentato di studiare quest’opera secondo il punto di vista della mentalità medievale ed in particolare di quella teologia monastica la cui profondità permette di capire forme spirituali che sembrano sfuggire ad un’analisi di tipo speculativo moderno e l’apparentano, invece, a molti appellativi della spiritualità orientale.

Nuccio D’Anna si è occupato di simbolismo, dottrine spirituali e storia delle religioni in centinaia di studi e saggi sparsi in numerose riviste e nelle raccolte degli Atti dei molti Convegni ai quali ha partecipato È membro della Società Italiana degli Storici delle Religioni (SISR) e dirige la rivista trimestrale di spiritualità e di simbolismo sacro “Atrium”.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.