Il Vangelo Esseno della Pace: manoscritto aramaico del terzo secolo e testi in slavo antico – Edmond Bordeaux Szekely (1982). Genova: Manca, 39 p. ; 21 cm.

Questo è uno di quei libri che può mettere in crisi. Esso è stato tradotto da antichi manoscritti dei primi secoli dopo Cristo e contiene gli insegnamenti che Gesù impartiva nei riguardi della alimentazione e di altre regole igieniche di vita, al punto di lasciarci con gli occhi sbarrati. Contrariamente ai Vangeli sinottici, dove il messaggio di Gesù appare molto essenziale e privo di quell’entusiasmo che la forza trascinante del maestro lascia supporre, il messaggio in questo testo ci presenta un Gesù poetico, autorevole e forte, il Gesù che era ascoltato perché parlava alla gente con autorità. Il Vangelo Esseno della Pace, alla sua prima edizione, 60 anni fa, venne tradotto in 26 lingue e venduto in oltre 10 milioni di copie. Qualunque sia la sua origine, esso può aprire i nostri occhi, toccare il nostro cuore e rimuovere gli strati del nostro secolare condizionamento e può svelarci non solo la nostra origine, ma anche il nostro ruolo nell’universo.

Edmond Bordeaux Szekely (5 marzo 1905 – 1979) è stato un filologo e linguista ungherese, psicologo e sperimentatore della vita naturale. Szekely è l’autore di Il Vangelo Esseno della Pace, che ha tradotto da un antico testo che avrebbe scoperto negli anni ’20.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro, scrivici direttamente tramite Whatsapp qui o via email a questo link.