Il mito e il suo significato – Julien Ries (2005). Milano: Jaca book, 287 p. ; 23 cm.

La nostra epoca ha riscoperto il mito e lo ridefinisce di continuo: il termine “mito” è usato nelle accezioni più diverse, sia dal lessico comune sia dai vocabolari specialistici e le teorie sul mito si moltiplicano. Chiarita la terminologia di riferimento, Ries traccia una storia delle teorie del mito che, prendendo le mosse dalle prime attestazioni del vocabolo mythos nei poemi omerici, giunge fino agli albori del XX secolo, e propone l’analisi di alcuni modelli di interpretazione contemporanei. Dall’analisi di Ries emerge una concezione del mito non soltanto come “fenomeno umano”, ma come fenomeno prima di tutto “religioso”, che ha svolto e svolge un ruolo imprescindibile nella nella vita dell’uomo nella sua tensione verso il sacro.

Julien Ries (Arlon, 19 aprile 1920 – Tournai, 23 febbraio 2013) è stato uno storico delle religioni, cardinale e arcivescovo cattolico belga.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA.

Se sei interessato/a a questo libro, scrivici direttamente tramite Whatsapp qui o via email a questo link.