Scienza e civiltà nell’Islam – Seyyed Hossein Nasr; prefazione di Giorgio De Santillana (1977). Milano: Feltrinelli, 316 p. : ill. ; 23 cm.

Fin dai primissimi inizi del pensiero vicino-orientale, il cosmo considerato un’entità unificata che abbraccia l’intero essere, così che le società umane devono riflettere la sovranità divina. E questo l’elemento duraturo. La filosofia islamica si apre la via attraverso la scienza greca, passando per le emanazioni e le intelligenze di Plotino, per concentrarsi sul principio divino unico da cui ogni essere e derivato e nella cui dominante presenza ogni realtà si dissolve nel “mondo della similitudine,” in cui ogni esistenza cosciente diventa una resa, un abbandono (alla volontà divina): islam.

Hossein Nasr (Teheran, 7 aprile 1933) è un filosofo e insegnante iraniano, si occupa di studi islamici alla George Washington University; inoltre è autore di molti testi scolastici e articoli. Nasr è un filosofo persiano e uno studioso di religione comparativa e scrive libri inerenti alle materie islamiche esoteriche, al sufismo, alla filosofia della scienza e alla metafisica.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.

error0
Tweet 20
fb-share-icon20