Le potenze dell’anima. Anatomia dell’uomo spirituale – Elémire Zolla (2008). Milano: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 271 p. ; 20 cm.

In questo vasto affresco antropologico, pubblicato per la prima volta nel 1968, Elémire Zolla, uno dei grandi intellettuali atipici del Novecento, studia le manifestazioni della vita dello spirito, del rito e della preghiera, analizzando le metafore che nel corso dei secoli hanno tradotto in immagini il mondo dell’interiorità e l’aspirazione all’infinito.
Attraverso la civiltà egizia, cinese, indù, lamaista, ebraica, classica e cristiana, il viaggio di uno studioso straordinario che ha saputo riconoscere ciò che accomuna nel profondo l’essere umano di ogni latitudine.
Intima, misteriosa, eppure universale, la dimensione spirituale è una componente costitutiva dell’animo umano. Oggi, più che mai, al centro della riflessione sul nostro destino.

Elémire Zolla (Torino, 9 luglio 1926 – Montepulciano, 29 maggio 2002) è stato uno scrittore, filosofo e storico delle religioni italiano, conoscitore di dottrine esoteriche e studioso di mistica occidentale e orientale.
Il padre era il pittore Venanzio Zolla (1880-1961), nato in Inghilterra da padre lombardo e madre alsaziana; la madre era la musicista britannica Blanche Smith (1885-1951). Zolla trascorre gli anni dell’infanzia tra Parigi, Londra e Torino apprendendo l’inglese, il francese e l’italiano.
In seguito studierà anche il tedesco e lo spagnolo. Questo poliglottismo contribuirà alla fama di grande erudito che lo accompagnerà sempre.
E’ considerato uno dei più grandi pensatori d’eccezione nella cultura italiana del Novecento. 

Il libro è un eccezionale fuori catalogo ed esaurito da molti anni.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.

error0
Tweet 20
fb-share-icon20