La nascita: usi e riti in Campania e nel Salento – Tullia Pasquali Coluzzi, Luisa Crescenzi (2010). Napoli: FEU, 125 p. ; 20 cm.

Se l’evento della nascita è stato sempre avvolto, in ogni tempo e in ogni luogo, da un alone quasi sacrale (ne è testimonianza il rapporto fra il gestante e una divinità femminile presso i pagani, o fra la gestante e una santa presso i cristiani), l’ingenuo universo mentale delle popolazioni del nostro Meridione ha elaborato credenze, riti, comportamenti che hanno costituito una parte integrante della loro cultura e da cui non possiamo prescindere se vogliamo ricercare le nostre radici e ritrovare la nostra identità. Le autrici hanno scritto questa piccola opera volendo con semplicità e con affetto fermare, prima che sbiadisca nel turbinio di cambiamenti storici, ambientali e culturali, la memoria delle antiche usanze sulla nascita attinte dalla testimonianze sempre più vaghe e rare dei superstiti che la detengono.

Tullia Pasquali Colluzzi, laureata in lettere classiche presso l’Università La Sapienza di Roma, ha insegnato in vari licei del Lazio e della Campania. Interessata alla studio del mondo classico e del folklore meridionale, ha curato, con altre autrici, per la casa editrice La Scuola, antologie di autori latini per i licei (2000) e, per la casa editrice napoletana Intra Moenia, in collaborazione con Irene Carloni, Sposi promessi. Usi e riti del matrimonio in Campania (2006).

Luisa Crescenzi (Sarno, 1949), dopo aver conseguito la maturità classica, ha iniziato ad appassionarsi all’antropologia e alla cultura folklorica durante gli studi di Lettere Moderne presso l’Università Federico II di Napoli, sotto la guida del prof. Luigi Lombardi Satriani, allora docente di Antropologia culturale. Sempre sensibile alle tematiche socio-culturali di Sarno (SA), la città in cui è nata e risiede, è stata anche socio fondatore dell’Associazione “Donne e Società”. Attualmente è collaboratrice del periodico locale “EVENTI” e di altri periodici.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro, scrivici direttamente tramite Whatsapp qui o via email a questo link.