Pavia: leggende e magia dai Celti ai Visconti – Alberto Arecchi (2000). Pavia: Liutprand, 121 p. ; 23 cm.

Al solo leggere questo titolo, c’è chi penserà subito a orrendi sortilegi e malefici, a riti farneticanti, privi di qualsiasi spiegazione logica. Non è certo questo l’argomento della nostra ricerca. Vogliamo invece, ripercorrere la nostra storia con l’obiettivo di individuare quei ” rami secchi ” o ” tagliati ” che pure hanno contribuito alla creazione della realtà odierna. Per sondare il buio occorrono molta umiltà e curiosità, predisposizione ad apprendere, desiderare di capire e nessuna presunzione. Lasciamoci portare nella dimensione di un sogno, che per troppo tempo è stato rimosso o c’è stato negato, con l’augurio di un viaggio propizio alla ricerca innanzi tutto di noi stessi.

Alberto Arecchi (Messina, 1947) è un architetto e saggista italiano. È autore di diversi studi sulla storia, sulle culture dei Paesi africani e sui problemi dell’habitat e delle tecnologie appropriate, delle costruzioni con l’uso di materiali locali migliorati, nel quadro di un forte stimolo alla partecipazione popolare. Alberto Arecchi è fondatore e presidente dell’Associazione culturale Liutprand, che si occupa in particolare di pubblicazioni sul patrimonio storico e culturale del territorio pavese, con una grande apertura per le indagini “alternative”, per quelli che lo stesso Arecchi chiama “i rami morti della nostra storia”.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.