La filosofia rivelata dagli oracoli: con tutti i frammenti di magia, stregoneria, teosofia e teurgia – Porfirio ; saggio interpretativo, traduzione, note e apparati di Giuseppe Muscolino (2011). Milano: Bompiani Il pensiero occidentale,  732 p. ; 22 cm.

Prima traduzione italiana di tutte le opere in cui Porfirio, filosofo neoplatonico allievo di Plotino, si cimentò nell’edificazione di una filosofia religiosa pagana alternativa al Cristianesimo, con l’esplicito intento di conferire una valenza mistica agli antichi responsi oracolari e alle pratiche magico-astrologiche, e di dare una valenza simbolica alle statue degli dèi; nella “Filosofia degli oracoli” troviamo la prima interpretazione allegorica degli Oracoli caldaici presentati come una rivelazione divina tipica dello zoroastrismo ellenizzato; nel trattato “Sul ritorno dell’anima” troviamo la spiegazione di come la “teurgia”, una versione pagana della “grazia”, possa agire sulla parte irrazionale dell’anima per purificarla e prepararla all’unione con il divino; nel trattato “Sulle immagini degli dèi” troviamo una simbologia filosofica applicata alle statue delle divinità greche, che in tal modo da “idoli” possono diventare autentiche “icone”; nella “Lettera ad Anebo” troviamo l’esposizione della precisa valenza della magia e della teurgia, in contrapposizione al suo allievo Giamblico. Se la “teurgia” serve solo per la parte inferiore dell’anima, e la “teologia” per la parte intellettuale, il punto di arrivo finale per Porfirio è la “teosofia”, la piena e compiuta sapienza divina che riempie di sé l’anima ormai purificata e pronta alla henosis con il Principio.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro, scrivici direttamente tramite Whatsapp qui o via email a questo link.