Il porto invisibile di Orbetello – Mario Pincherle (1989). Ospedaletto: Pacini, 159 p. : ill. ; 29 cm.

Cinquemila anni fa Orbetello era un porto di enorme interesse strategico, invisibile dal mare, cinto da mura ciclopiche doveva racchiudere un faro, dei magazzini e, forse, un tempio. Dall’importante studio nasce un libro che, oltre ad approfondire problemi mai del tutto risolti, fornisce elementi risolutivi per la datazione delle mura poligonali a blocchi.

Mario Pincherle è uno scrittore noto soprattutto per le sue indagini paleotecnologiche in materia di archeologia misteriosa. Nel 1965 teorizza uno studio nell’ambito dell’egittologia (senza concreti riscontri scientifici) sulle modalità di costruzione della piramide di Cheope, ipotizzando nei monoliti di granito interni una presunta “torre” che ha ritenuto preesistente alla piramide stessa, rinominata Zed.
Grande conoscitore di lingue antiche, Mario Pincherle ha anche tradotto molti testi antichi tra cui gli apocrifi Il Vangelo di Tommaso e Il libro di Enoch, entrambi tradotti dall’aramaico.
Tra i suoi testi: La nuova Etruscologia (1999), Il segreto dell’Arca (2000), Il Vangelo della Gioia (2001), La grande Piramide e lo Zed (2000), Leopardi segreto (2006), Giobbe: il segreto della Bibbia (2009).

Disponibile in versione digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.