Il tempo dei Celti. Miti e riti: una guida alla spiritualità celtica – Alexei Kondratiev (2005). Milano: Urra – Apogeo S.r.l, 282 p. ; 21 cm.

Dei Celti si parla spesso a sproposito, in modo strumentale, magari per trovare fantasiosamente un sostegno “storico” a idee, riti o tradizioni privi invece di qualunque fondamento. Questo libro è un antidoto alla superficialità: approfondito e documentato, ripercorre dapprima la storia dei Celti adottandone il punto di vista e si concentra poi sulla spiritualità celtica, la cui eredità (anche attraverso la letteratura, l’arte, la musica) è ancora vitale nell’Europa del XXI secolo, sia pure in modo sotterraneo. Una spiritualità che presenta molti elementi di interesse per l’oggi, perché è caratterizzata da un senso forte del contatto con la natura, dal rispetto per le sue forme, per i suoi ritmi, per la ciclicità del passaggio del tempo, e dalla ricerca di una consonanza con la struttura profonda dell’universo.

Questo libro è opera di uno dei massimi esponenti del Ricostruzionismo Celtico, il movimento sorto nei paesi anglosassoni che mira a ricostruire e attualizzare le pratiche spirituali degli antichi Celti, sia del periodo pagano che di quello cristiano. Nato nell’ambito del più ampio movimento neopagano americano, il Ricostruzionismo Celtico se ne differenzia nei modi e nelle pratiche; i suoi esponenti infatti si basano esclusivamente sulla solidità dei dati archeologici, storici e letterari, cui aggiungono quel tanto di creatività necessaria per colmare i vuoti per eseguire rituali e cerimonie.

Alexei Kondratiev dal 1984 insegna Irlandese presso l’Irish Arts Centre di New York, oltre a tenere corsi sulla mitologia celtica, l’antico cristianesimo celtico, la storia della musica tradizionale celtica. È uno dei massimi esponenti del Ricostruzionismo Celtico, movimento sorto nei paesi anglosassoni che mira a ricostruire e attualizzare le pratiche spirituali degli antichi Celti, sia del periodo pagano che di quello cristiano. Nato nell’ambito del più ampio movimento neopagano americano, il Ricostruzionismo Celtico se ne differenzia nei modi e nelle pratiche; i suoi esponenti infatti si basano esclusivamente sulla solidità dei dati archeologici, storici e letterari, cui aggiungono quel tanto di creatività necessaria per colmare i vuoti per eseguire rituali e cerimonie.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.

error0
Tweet 20
fb-share-icon20