Totemismo – James George Frazer (1971). Roma: New Compton Italiana, 255 p. ; 20 cm.

Ci fu un’epoca in cui si giurava sul totemismo, e J.G. Frazer appartiene a quell’epoca. Con la traduzione italiana di alcuni suoi fondamentali scritti sul totemismo, il presente libro vuole dare al lettore italiano d’oggi un’idea di quell’epoca, e di questo autore, che è diventato un «classico». il senso di questa iniziativa è tutto contenuto nella sua capacità documentaria, ossia nella sua capacità di offrire elementi per un giudizio «diretto a quanti oggi sono per lo più costretti a parlare di Frazer, della sua epoca, della sua scuola (l’evoluzionismo culturale), e del totemismo (uno dei punti saldi, una delle «idee-forza» di quella scuola), servendosi di predicati imposti dalla polemica antievoluzionistica delle scuole successive che vennero affermandosi negli studi etnologici e storico-religiosi.
In effetti, lo stesso caso del Totem e Tabù di Freud illustra la solidità del monumento frazeriano, ma la validità di questo non è d’ordine statico, quasi di una massiccia presenza che non è possibile ignorare, è piuttosto d’ordine dinamico. L’opera di Frazer contiene i presupposti :per tutta l’ulteriore storia degli studi sul totemismo.
Né soltanto in senso negativo e limitativo, ma anche in senso positivo dell’approfondimento dell’oggetto, della impostazione di una nuova problematica, e perfino dell’edificazione della recentissima «antropologia strutturale» di Levi-Strauss, che liquida il totemismo, considerando i fatti sui quali si basa come prodotti autonomi di una logica classificatoria.

James George Frazer (Glasgow, 1º gennaio 1854 – Cambridge, 7 maggio 1941) è stato un antropologo, un folclorista, uno storico delle religioni scozzese e uno studioso di musica classica che ha insegnato per gran parte della sua vita al Trinity College di Cambridge. Fortemente influenzato dalla cultura primitiva di Edward Burnett Tylor, pubblicata nel 1871, scrisse The Golden Bough (1890), una massiccia ricostruzione di tutto il pensiero e le usanze umane attraverso le successive fasi di magia, religione e scienza. Il Golden Bough è considerato da molti oggi come una reliquia molto amata ma antiquata, ma, rendendo i dati e la conoscenza antropologici accademicamente rispettabili, Frazer rese possibile la moderna antropologia comparata.

Disponibile in VERSIONE CARTACEA e digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.

error0
Tweet 20
fb-share-icon20