Dal totemismo al cristianesimo popolare: sviluppi semantici nei dialetti italiani ed europei – Mario Alinei (1984). Alessandria: Edizioni dell’Orso, 165 p. ; 24 cm.

Il totemismo, che come scoperta della prima religione dell’umanità risale ai classici dell’etnologia, della storia della società e delle religioni ed è stato sempre studiato dal punto di vista storico-religioso ed etnologico, viene per la prima volta presentato sulla base di dati esclusivamente linguistici, e non solo come sistema classificatorio, ma anche e soprattutto come sistema magico-religioso vero e proprio. I dati linguistici, infatti, per il loro significato intrinseco e attraverso la loro evoluzione semantica, dimostrano come un sistema classificatorio universale presupponga necessariamente una visione dell’universo e della realtà, e quindi un sistema di comportamento etico. Curiosamente, la linguistica conosce, fra i suoi capitoli più importanti, un’imponente serie di monografie e saggi sul tabù linguistico, ma nessuna sul totem, che pure, nel periodo più remoto della nostra storia, ne rappresenta il pendant indispensabile. Eppure occorre prendere atto che il totemismo e la sua evoluzione sopravvivono in centinaia di nomi e di sviluppi semantici sopratutto dialettali, e in tutta Europa.

Mario Alinei (Torino, 10 agosto 1926 – Impruneta, 9 agosto 2018) è stato un linguista italiano. Professore emerito all’Università di Utrecht, dove ha insegnato dal 1959 al 1987, ha vissuto a Tavarnuzze, frazione di Impruneta. Fu fondatore dei Quaderni di Semantica, una rivista che tratta della semantica teorica e applicata. Fu anche presidente dell'”Atlas Linguarum Europae” (presso l’Unesco) di cui era cofondatore con Anton Weijnen dell’Università di Nijmegen.

Disponibile in versione digitale in PDF.

Se sei interessato/a a questo libro e vuoi più informazioni a riguardo, contattaci direttamente qui.